20 AL MESE.

TUTTI I LIBRI

CHE VUOI


Ecco quello che non si dovrebbe mai cessare di essere: dei lettori, dei lettori puri, che leggono per leggere, che sanno leggere che, insomma, leggono e basta...

Charles Péguy

Avviso

Articoli

Heilbron, Galileo

collana: La Biblioteca  
editore: Einaudi
data pubblicazione: 2013
pagine: XVI - 544
prezzo: € 32,00
ISBN:9788806210977
a cura di: Stefano Gattei
traduzione di: Stefano Gattei
argomento:
formato: rilegato
per l'acquisto scegli tra:
  



 

John L. Heilbron

Galileo

Scienziato e umanista

 

Dagli anni della giovinezza a Pisa e a Firenze a quelli della maturità a Padova al grandioso periodo presso la corte dei Medici, la vicenda biografica e intellettuale dello scienziato che cambiò il mondo imponendo all'attenzione dei contemporanei i problemi fondamentali della scienza del suo tempo. Distinguendosi per il rigore storico e scientifico della narrazione, questo libro ritrae in tutta la sua complessità la figura del grande scienziato e offre al contempo una ricostruzione inedita dell'ambiente culturale in cui si formò. Grazie al costante confronto tra le opere scientifiche e letterarie, l'autore getta nuova luce su entrambe, mostrando come il Galileo scienziato, difensore della libertà e dell'indipendenza della ricerca, affondi profonde radici nel Galileo umanista. Un libro già impostosi a livello internazionale come l'opera definitiva sul massimo protagonista della Rivoluzione Scientifica.

Di Galileo si parla quasi ininterrottamente ormai da quattro secoli: dalla pubblicazione, cioè, del Sidereus Nuncius, l'asciutto resoconto delle scoperte astronomiche compiute dallo scienziato pisano, allora a Padova, con l'ausilio del cannocchiale. La realtà dell'ipotesi copernicana, già difesa in teoria, veniva messa per la prima volta sotto gli occhi di tutti: con un piccolo libro di circa sessanta pagine, uscito a Venezia il 13 marzo 1610, si voltava pagina una volta per sempre. Le «grandi cose» annunciate dallo scienziato pisano sul frontespizio e in apertura del testo si rivelarono decisive per l'affermazione della teoria eliocentrica, ma il cammino che portò alla sua definitiva accettazione come vera descrizione della struttura dell'universo fu ben più lungo e tormentato di quanto, forse, lo stesso Galileo aveva immaginato. Con gli anni, i suoi contributi scientifici sono diventati un punto di riferimento per gli scienziati, e la sua vicenda personale è divenuta il simbolo della lotta per la libertà della ricerca scientifica contro ogni dogma o vincolo imposto dall'esterno. Fisico di formazione, Heilbron presenta con non comune competenza i dettagli tecnici della scienza galileiana, inserendoli nel più ampio quadro degli eventi storici che l'hanno accompagnata e fornendo un'immagine inedita della personalità e della formazione umanistica di Galileo. L'elemento unificante della sua vita, sostiene Heilbron, è il costante sguardo critico, di volta in volta dedicato allo studio del moto locale, all'indagine dei fenomeni terrestri e celesti, alla lettura dei testi letterari o delle Scritture, o che emerge con forza come elemento caratterizzante nella corrispondenza, nei manoscritti, nelle opere a stampa. Il suo è lo stile di un uomo di scienza dalla profonda formazione umanistica: caustico nelle osservazioni e tagliente nei giudizi, raffinato, distaccato, spesso ironico e sottile, ma anche insofferente nei confronti dei propri detrattori e avversari, incapace di compromesso, impaziente nell'affermare la priorità delle proprie scoperte.

 

John L. Heilbron è professore emerito di Storia presso l'Università della California a Berkeley e Honorary Fellow del Worcester College di Oxford. Tra le sue opere tradotte in italiano ricordiamo Alle origini della fisica moderna (Bologna, 1984), I dilemmi di Max Planck (Torino, 1988), Il Sole nella Chiesa (Bologna, 2005) e Galileo. Scienziato e umanista (Einaudi 2013). Tra gli altri suoi lavori, Geometry Civilized. History, Culture and Technique (Oxford, 1998) e le biografie di Henry G. J. Moseley (1974), Ernest Lawrence (1989, con Robert W. Seidel) ed Ernest Rutherford (2003). La sua opera più recente è Love, Literature and the Quantum Atom. Niels Bohr's 1913 Trilogy Revisited, in collaborazione con Finn Aaserud (Oxford, 2013). Ha inoltre curato The Oxford Companion to the History of Modern Science (Oxford, 2003) e The Oxford Guide to the History of Physics and Astronomy (Oxford, 2006).

 

Recensioni

«Galileo «giullare» umanista. L'altra faccia di una vittima» di Paolo Mieli - Corriere della sera 10/12/2013

«Il Rinascimento di Galileo» di Carlo Rovelli - Il Sole 24 ore Domenica 22/12/13

«Vecchio Galileo cosa vai cercando in quel portone» di Piero Biancucci - La Stampa 03/02/2014

 

dello stesso autore nel catalogo Einaudi

Condividi questo articolo su...