Condividi il sito su...


20 AL MESE.

TUTTI I LIBRI

CHE VUOI


…i libri ci danno un diletto che va in profondità, discorrono con noi, ci consigliano e si legano a noi con una sorta di famigliarità permanente.

Francesco Petrarca

Avviso

Chapoutot, Il nazismo e l'Antichità

collana: La Biblioteca
editore: Einaudi
data pubblicazione: 23/05/2017
pagine: 536
prezzo: € 34,00
ISBN: 9788806232634
a cura di:
traduzione di: Valeria Zini
argomento: storia
formato: rilegato
per l'acquisto scegli tra:
  

 

 

 

Johann Chapoutot

Il nazismo e l'Antichità

 

Il Terzo Reich nutrí per il mondo classico un'autentica venerazione, arrivando a teorizzare l'identità razziale di Greci, Romani e Germani, uniti in una stessa lotta millenaria. Tutti gli aspetti della falsificazione nazista della storia, alla ricerca di un'antichità immaginaria, monito e modello per plasmare un intero popolo e imporre al mondo il nuovo Impero.

«Non abbiamo un passato», diceva Hitler, rammaricandosi che gli archeologi SS si ostinassero in ricerche nei boschi della Germania, per poi trovarvi soltanto delle brocche orrende. Il passato della razza, quello che doveva riempire d'orgoglio i tedeschi, era da rintracciare in Grecia e a Roma. Cosa c'è di meglio di Sparta per costruire una società e un uomo nuovo? Quale miglior esempio di Roma per costruire un Impero? E quale piú efficace avvertimento delle guerre che opposero la razza nordica agli assalti della Persia e di Cartagine? L'Antichità greca e romana insegnava come perpetuarsi attraverso una memoria monumentale ed eroica, quella del mito. Il Reich succedette ad Atene e Roma in questa lotta millenaria, nella quale dovette fronteggiare gli stessi nemici e pericoli. Dai canoni dell'ideologia nazista, a partire dal Mein Kampf, agli edifici di Norimberga, passando attraverso i manuali scolastici, il cinema e le arti plastiche, l'Antichità greca e romana venne riletta e riscritta per fornire al lettore, alunno, studente, spettatore e suddito del nuovo Impero, un paradigma ideologico saldamente impiantato sulle due grandi civiltà del mondo classico. Johann Chapoutot esplora il cuore del progetto totalitario nazista: annettersi non solo gli spazi fisici del mondo, ma impadronirsi, per forgiare l'uomo nuovo, anche del passato, assegnandogli una funzione di esaltazione, modello e profetico avvertimento.

 

Johann Chapoutot insegna all'Università Paris-III Sorbonne nouvelle ed è membro dell'Institut universitaire de France. Tra i suoi lavori ricordiamo Le meurtre de Weimar (Presses Universitaires de France, 2010), Le nazisme et l'Antiquité (Presses Universitaires de France, 2012), La loi du sang. Penser et agir en nazi (Gallimard, 2014). Per Einaudi ha pubblicato Controllare e distruggere (2015) e La legge del sangue (2016).

 

 

Recensioni

  recensione di Francesco Benigno su il manifesto. (leggi)


dello stesso autore nel catalogo Einaudi

Condividi questo articolo su...

      incontri     

Nikos Kazantzakis

il cretese errante

12 maggio 2018, ore 17

Gilda Tentorio

Voce recitante  

Alfonso De Filippis

locandina


    recensioni    

Aldo Busi, Le consapevolezze ultime

anticipazione del romanzo su la Repubblica (leggi)

Giancarlo De Cataldo, L'agente del caos

anticipazione L'agente del caos su la Repubblica. (leggi)

 intervista di Massimo Vincenzi su La Stampa. (leggi)

Paolo Maurensig, Il diavolo nel cassetto

recensione di Cristina Battocletti su Il Sole 24 Ore. (leggi)

Arthur Miller, Una ragazza semplice

racconto dell'autore su Robinson - la Repubblica. (leggi)


 libri in concorso 

Premio Strega Europeo

Adur Ava Olafsdóttir, Hotel Silence

finalista del Premio Strega Europeo 2018 sul blog di Einaudi Biancamano2.

Nicola Lagioia presenta i finalisti al Premio Strega Europeo su la Repubblica. (guarda)

 

Premio Strega 2018

Marco Balzano, Resto qui

tra i dodici finalisti al Premio Strega 2018


al Punto Einaudi Bologna puoi utilizzare

Carta del Docente

Bonus Cultura 18app

Carta del Docente

Bonus cultura-18app