Condividi il sito su...

 

 


…i libri ci danno un diletto che va in profondità, discorrono con noi, ci consigliano e si legano a noi con una sorta di famigliarità permanente.

Francesco Petrarca

Avviso

Ban Zhao , Precetti per le donne

collana: NUE . Nuova Universale Einaudi 
editore: Einaudi

data pubblicazione: 2011

pagine: XXXIV - 110
prezzo: € 22,00
ISBN: 9788806198466
a cura di: Lisa Indraccolo
contributi di: Maurizio Scarpari
traduzione di: 
argomento: classici
formato: rilegato
per l'acquisto scegli tra:
      
 ACQUISTA 
 

Ban Zhao

Precetti per le donne
e altri trattati cinesi di comportamento femminile


Come conquistare l'affetto del marito. Come gestire i rapporti con i parenti acquisiti. Come sbrigare le faccende domestiche. Quale la condotta appropriata da tenere nelle diverse situazioni. All'inizio del II secolo d.C. Ban Zhao, figlia e sorella di famosi letterati, scrive un trattatello di comportamento rivolto alle donne.

Per la prima volta nella storia della Cina una donna si rivolge direttamente ad altre donne su questi temi. Lei stessa fu la prima donna a ottenere grandi onori letterari presso la corte imperiale: fu storica di corte e consigliera dell'imperatrice. E i suoi Precetti hanno aperto la strada a numerosi altri trattati di comportamento scritti da donne, quasi un genere letterario di ambito confuciano. Ban Zhao è strettamente legata al confucianesimo, ai suoi principî morali, all'idea di un'armonia generale da perseguire con determinazione, contro ogni istanza egoistica e individuale. L'educazione, per il confucianesimo, era il primo fondamentale passo verso la costituzione di una società armoniosa e pacifica. Ban Zhao ha trasferito la sapienza e l'ideologia del confucianesimo in un libro di divulgazione popolare che ha fatto epoca nella storia della cultura cinese.
La modernità del testo risiede nel fatto che Ban Zhao sostiene apertamente la necessità di provvedere all'educazione anche delle bambine, cosa tutt'altro che ovvia e scontata all'epoca. L'autrice sostiene che la cultura gioca un ruolo cruciale nella vita di tutti, maschi e femmine, in quanto consente a ogni individuo di poter svolgere in modo appropriato i compiti e le funzioni che gli sono propri e gli competono in base al sesso, all'età e alla posizione sociale. Una donna che, a tempo debito, non abbia appreso le tradizionali norme di comportamento e che ignori le relazioni fondamentali che regolano i rapporti interpersonali all'interno della famiglia e della società tramandate dai Classici, non saprà stare al proprio posto, verrà meno ai propri doveri nei confronti dei familiari e si coprirà di vergogna, attirandosi il biasimo non soltanto della sua famiglia, ma dell'intera comunità. Una donna ignorante, quindi, non è in grado di realizzare appieno la propria natura interpretando il ruolo di moglie e madre che le spetta, costituendo un grave elemento di disturbo nel processo di realizzazione di una società armoniosa auspicato dai con

 

fuciani.   dall'introduzione di Lisa Indraccolo

«Per quanto riguarda marito e moglie, un'unione corretta si stabilisce con l'affiatamento e l'intimità, e l'amore si sviluppa con una buona intesa. Se si subiscono bastonate, come si può salvaguardare il rapporto? Se si dispensano rimproveri come può esserci amore? Nel momento in cui le basi del rapporto e l'amore vengono meno ecco che a marito e moglie non resta che separarsi».

Gli altri titoli della collana

Condividi questo articolo su...

al Punto Einaudi Bologna puoi utilizzare

Carta del Docente

Bonus Cultura 18app

Carta del Docente

Bonus cultura-18app


Premio Nobel

2019

Peter Handke

    recensioni  

Giorgio Agamben, Studiolo

 

recensioni di Massimo Onofri su Avvenire. (leggi)

 

Vladislav Vancura

La fine dei vecchi tempi

articolo di Giuseppe Dierna su il venerdì - la Repubblica. (leggi)


Vincenzo Trione

L’opera interminabile

 recensione di Tomaso Montanari su il Fatto Quotidiano. (leggi)


Mariangela Gualtieri,

Quando non morivo

  

recensione di Daniele Piccini su la Lettura - Corriere della Sera. (leggi)


Sherry Turkle

Insieme ma soli

recensione di Giorgio Biferali su Il Messaggero. (leggi)